Cucina delle Antille Francesi: 3 piatti da provare in Guadalupa e Martinica 26 settembre 2019


La frutta si usa per i dolci e per i piatti salati

La frutta si usa per i dolci e per i piatti salati

Accras e boudin créole: aperitivo perfetto (*)

Accras e boudin créole: aperitivo perfetto (*)

Le spezie, elemento base della cucina creola

Le spezie, elemento base della cucina creola

Cucina delle Antille Francesi: 3 piatti da provare in Guadalupa e Martinica

Accras, boudin créole e colombo: ecco le specialità culinarie da gustare durante un soggiorno nelle Antille Francesi.

 

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Materie prime caraibiche, prodotti e sapori africani e orientali, tecniche di cottura che arrivano dalla Francia: et voilà la cucina di Guadalupa e Martinica, che è un gustoso e colorato universo gastronomico nel quale ogni popolo passato da queste parti ha messo del suo.

Il patrimonio culinario delle Antille Francesi è un riuscito miscuglio di tradizioni e alimenti autoctoni o provenienti da altre terre, caratterizzato da piatti unici a base di pesce, crostacei, molluschi e carne, in particolare di pollo, maiale e capretto, arricchiti da spezie, erbe aromatiche, cipolla e aglio e solitamente accompagnati da riso in bianco, tuberi quali la patata dolce e l'igname, legumi, verdure e frutta a crudo o al gratin.

Tra le pietanze che vanno decisamente provate se si viaggia in Guadalupa e Martinica ci sono accras, boudin créole e colombo. Scopriamo di che si tratta, cercando di trattenere l'acquolina in bocca.

Accras
Le accras sono frittelline preparate in svariati modi: con pesce, crostacei, molluschi, verdure e legumi. Quelle di baccalà (accras de morue) sono un must della cucina antillese: tra gli altri ingredienti non mancano aglio, cipolla, prezzemolo o coriandolo, erba cipollina o parte verde del cipollotto, timo e peperoncino. Una volta impastellato e fritto il composto, le accras vengono servite come aperitivo o antipasto. Consumatele con i cocktail a base di rum agricolo del posto: un sodalizio perfetto.

Boudin créole
Anche il boudin créole – che tradizionalmente è un piatto del giorno di Natale – ben si sposa con bevande locali come il Ti punch e il Planteur. Il boudin noir non è per tutti i palati: si tratta di un sanguinaccio piccante di maiale. Lasciatevi comunque trascinare dalla curiosità, oppure scegliete il boudin blanc, che è parimenti un insaccato fatto con pane raffermo ammollato, spezie ed erbette, ma in cui il sangue e il grasso di maiale sono sostituiti con la polpa di pesce.

Colombo
Il colombo è una preparazione in umido per la quale non è rilevante l'ingrediente principale (che può essere pollo, maiale, capretto o pesce) ma piuttosto il mix di spezie utilizzato in cottura, che è simile al curry. Contiene curcuma, cumino, coriandolo, chiodi di garofano, pepe, senape, fieno greco, zenzero e riso tostato in polvere.

Da assaggiare anche i piatti meno elaborati ma altrettanto gustosi come il pescato fresco grigliato – aragosta inclusa – e il pollo marinato e affumicato su barbecue (poulet boucané), accompagnati da deliziose salsine creole (sauce chien in primis). Quanto ai dolci, c’è l'imbarazzo della scelta: provate quelli a base di cocco, banane e altra frutta esotica.
Bon appétit!

 

(26 settembre 2019)

 

(*) Foto Ti-punch, accras de morue, et boudin créole da Wikimedia Commons, CC BY-SA 4.0

 

 

I nostri viaggi e hotel per la Martinica »

I nostri viaggi e hotel per la Guadalupa »



Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Cookies Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Cookies Policy.
OK