Jardin de Balata, il giardino fiorito di Martinica 19 novembre 2019


Colibrì, Jardin de Balata, Martinica

Colibrì, Jardin de Balata, Martinica

Rosa di porcellana, Jardin de Balata, Martinica

Rosa di porcellana, Jardin de Balata, Martinica

Percorso sospeso nel Jardin de Balata, Martinica

Percorso sospeso nel Jardin de Balata, Martinica

Ninfea, Jardin de Balata, Martinica

Ninfea, Jardin de Balata, Martinica

Jardin de Balata, il giardino fiorito di Martinica

Jardin de Balata, il giardino fiorito di Martinica

L'entroterra della Martinica – il cui nome originario, Madinina, significa "isola dei fiori" – custodisce un giardino botanico di rara bellezza, opera di un appassionato orticoltore e paesaggista.

L'entroterra della Martinica – il cui nome originario, Madinina, significa "isola dei fiori" – custodisce un giardino botanico di rara bellezza, opera di un appassionato orticoltore e paesaggista.

 

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Grandi alberi, fiori coloratissimi, laghetti con ninfee, colibrì a non finire e un ponte sospeso che permette di osservare il tutto dall'alto. E di godersi la bellezza e la pace del Jardin de Balata. Situato 10 chilometri a nord di Fort-de-France – capoluogo della Martinica – sulla strada che porta allo storico comune di Saint-Pierre, questo giardino botanico raccoglie circa 3mila specie vegetali.

 

Immerso nella foresta pluviale, con vista sul massiccio vulcanico del Carbet, il Jardin de Balata è stato aperto al pubblico nel 1986 da Jean-Philippe Thoze, orticoltore e paesaggista che, nei quattro anni prima dell’inaugurazione, ha riunito attorno alla casa creola dei nonni un'eccezionale collezione di piante tropicali da tutto il mondo. Vi si trovano palme in centinaia di varietà, maestosi mogani, bambù giganti, banani e platani, orchidee selvatiche, ibisco, anthurium, bromeliacee, heliconie e moltissimo altro ancora, inclusa la spettacolare rosa di porcellana.

 

Il sentiero che attraversa il parco è agevole e assai curato: bastano un paio d’ore per percorrerlo interamente, ma vale la pena indugiare e soffermarsi a contemplare ogni angolo. All'ingresso si incontra la tradizionale maison créole – con mobili e oggetti d’epoca – e si è poi accolti da un nugolo di colibrì, nell'area con distributori di cibo e abbeveratoi a loro dedicata. Inizia poi il cammino vero e proprio tra le meraviglie arboree e floreali: non scordate di portare la macchina fotografica per immortalare gli scorci e i dettagli.

 

A fine itinerario vi aspetta una sorta di ponte tibetano protetto da reti laterali: la balade dans les arbres è un percorso sospeso tra gli alberi a più di 15 metri d’altitudine (non accessibile ai bambini con meno di 8 anni), che offre una veduta d’insieme sul giardino e consente di ammirare la baia di Fort-de-France e i picchi del Carbet all'orizzonte.

 

Il Jardin de Balata è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18 e si raggiunge in pochi minuti d'auto o di bus (linea L25) dal centro di Fort-de-France.
Il biglietto d'ingresso costa 14 euro per gli adulti, i bimbi fino a 3 anni non pagano, per quelli tra 3 e 12 anni il costo è di 8 euro. Ci sono poi sconti per gruppi e la possibilità di pass combinato con lo zoo di Martinica.

 

(19 novembre 2019)

 

 

I nostri viaggi e hotel in Martinica »