I FIORI DELLA MARTINICA 2 MAGGIO 2023


Frangipani

Frangipani

Rose di porcellana

Rose di porcellana

null
Heliconia - becchi di pappagallo

Heliconia - becchi di pappagallo

null
Fiore dell'ananas

Fiore dell'ananas

null
I FIORI DELLA MARTINICA

I FIORI DELLA MARTINICA

Provate a pensare a un’isola dove è sempre estate, dove nei mesi più freddi la temperatura non scende mai sotto i 21 gradi, dove il clima è così ideale che la natura esprime il suo meglio con un manto vegetale rigogliosissimo. Signore e Signori ecco a voi Martinica, l’isola dei fiori.

Provate a pensare a un’isola dove è sempre estate, dove nei mesi più freddi la temperatura non scende mai sotto i 21 gradi, dove il clima è così ideale che la natura esprime il suo meglio con un manto vegetale rigogliosissimo. Signore e Signori ecco a voi Martinica, l’isola dei fiori.

 

Tempo di lettura: 1 minuto

 

La Martinica fa parte delle Isole Sopravento Meridionali che di tutto l’arco delle Antille sono quelle più vicine al Venezuela.

Grande circa quattro volte l’isola d’Elba, è un’isola verdissima con una natura lussureggiante e pittoresche spiagge naturali ma si possono anche osservare impronte del passato nel capoluogo Fort de France, come la cattedrale o la biblioteca, costruita in ferro battuto a fine ottocento in Francia, trasportata via mare e riassemblata, oppure la casa di Giuseppina Bonaparte che è nata qui (comprensibilmente non molto amata dai locali, troverete una sua statua decapitata nei giardini pubblici del capoluogo).

Adesso però vi vogliamo parlare della ricchezza naturale di quest’isola  conosciuta dagli indiani Arawak con il nome di Madinina, che in lingua indigena significa “isola dei fiori”.

Imperdibile è il Jardin de Balata. Situato 10 chilometri a nord di Fort-de-France sulla strada che porta allo storico comune di Saint-Pierre, questo giardino botanico raccoglie circa 3mila specie vegetali.

Qui, ma un po’ dappertutto sull’isola, troverete i tanti fiori per i quali è famosa la Martinica: non tutti sono autoctoni ma hanno trovato il clima ideale per esprimere il meglio di sé.

Ad esempio le spettacolari rose di porcellana (Etlingera elatior), piante della famiglia delle Zingiberaceae alla quale appartiene lo zenzero, di provenienza  orientale. Sono così belle che vien voglia di mangiarle ed effettivamente quando sono tenere si possono consumare in insalata. Sono depurative e la farmacopea tradizionale ne riconosce le proprietà antibatteriche, antimicotiche e deodoranti.

Altri fiori che una volta visti non si scordano mai più sono i becchi di pappagallo (Heliconia). Hanno la forma di un grappolo con “becchi” color rosso acceso e sono cibo per i piccoli colibrì che costruiscono i loro nidi sulle grandi foglie, simili a quelle del banano.

Non possiamo non ricordare il profumatissimo frangipane: nome comune Pomelia, nome scientifico Plumeria, oramai è conosciuto perlopiù come frangipane dal cognome di un nobile romano, Muzio Frangipani che nel XII secolo creò un profumo che ricordava il profumo della pomelia. In oriente è simbolo di immortalità e rinascita dal momento che i suoi fiori continuano a sbocciare anche quando il ramo viene reciso. Nel linguaggio dei fiori invece rappresenta la bellezza unita alla semplicità.

Non proseguiamo oltre ma voi lasciatevi sorprendere dalla varietà delle infiorescenze della Martinica giustamente chiamata l’isola dei fiori.

 

I nostri viaggi ed hotel in Martinica>>